Menu

ATTIVITÀ STRAORDINARIA DI TRENTINOSOLIDALE DURANTE L’EMERGENZA SANITARIA: RACCOLTA DI GENERI ALIMENTARI PER I PIU’ BISOGNOSI

In questo gravoso momento per la nostra società tutta, ma ancora più duro per tanti nostri concittadini che si trovano in difficoltà sociali ed economiche, l’impegno di TRENTINOLIDALE nella lotta contro lo spreco alimentare e contro la povertà – impegno che si concretizza nella raccolta e nella distribuzione delle eccedenze alimentari – si intensifica con la collaborazione dei nostri donatori storici:

  • il supermercato PAM in via G. B. Trener 16 a TRENTO;
  • il Gruppo POLI con i supermercati di TRENTO (in via Feininger 10 a Gardolo, in Largo Medaglie Oro, in via Giovanelli, in via San Pio X, in via Fermi, in via Pomeranos a Mattarello), di LAVIS, di CLES (in via Trento e in via Degasperi), di MALÈ, di ZIANO DI FIEMME, di PREDAZZO, di CIVEZZANO, di BORGO VALSUGANA, di PERGINE VALSUGANA (in via al Lago e in via Tamarisi), di LEVICO TERME,  di ARCO (in via S. Caterina e in via 24 Maggio), di MADRUZZO, di ALA, di VILLA LAGARINA, di MORI, di ROVERETO (in via del Garda 28, in Via Craffonara 24 e in via Pasqui 4), di COMANO TERME, di SPIAZZO RENDENA e di STORO.

Presso tali punti vendita è possibile acquistare per donare prodotti di prima necessità, prodotti necessari a TRENTINOSOLIDALE per integrare la distribuzione quotidiana di alimenti alle persone più fragili della nostra società: chi deve usufruire delle case di prima accoglienza, delle mense per i poveri, dei servizi offerti da altre associazioni e da istituti religiosi, ma anche a tante famiglie in difficoltà.

Pertanto, con gratitudine ringraziamo i supermercati che partecipano e collaborano a questa raccolta straordinaria e, soprattutto, i tanti cittadini-donatori che con il loro contributo (anche modesto, aggiungendo alla propria spesa l’acquisto di uno o più prodotti a lunga conservazione, per ovvie ragioni di sicurezza) permettono di assicurare una risposta concreta a un problema sempre più emergente: garantire ai soggetti più deboli le condizioni minime vitali prescritte dai valori della nostra società.

Condividi!

  TOP